Nero D'Avola Vittoria DOP

Le Bacche Nere

Il sapore della Sicilia più vera

ll Nero d’Avola è il re dei vini rossi siciliani che nella zona di Vittoria assume le caratteristiche uniche della DOP legate alla natura dei terreni sciolti e calcarei. Considerato in passato un vino da taglio, data la sua elevata gradazione alcolica, negli anni si è ritagliato uno spazio tutto suo nel panorama vitivinicolo italiano e internazionale grazie alla sua versatilità, alle sue doti di eleganza e carattere unico. Nella nostra zona di produzione spesso è vinificato in coppia con il Frappato per dare origine all’unica DOCG della Sicilia, il Cerasuolo di Vittoria, ma qui ve lo presentiamo vinificato in purezza per poterne apprezzare maggiormente le sue qualità di vino di ottimo corpo impreziosito dall’eleganza tipica del terroir della DOC Vittoria.

Denominazione: Vittoria DOC

Vitigni: 100% Nero avola
Altitudine: 200 m s.l.m.
Esposizione: Ovest – Sud/Ovest
Tipologia di terreno: Profondo, calcareo di colore chiaro, sciolto, ben drenato, e leggermente sub-alcalino
Sistema di allevamento: Controspalliera con potatura a Guyot
Età media delle viti: 10 anni
Densità di impianto: 4000 viti/Ha

Vinificazione: In rosso
Fermentazione: In acciaio inox a temperatura controllata
Temperatura di fermentazione: 25/28°C
Durata della fermentazione: 8/15 giorni
Fermentazione malolattica: Svolta naturalmente
Affinamento: 12 mesi in tini di acciaio, 6 mesi in bottiglia

Note degustative: Alla vista si presenta con un bel colore rosso rubino lucente. Al naso un bouquet intenso e persistente ricorda i sentori di frutti a bacca rossa tra cui spiccano la fragola, l’amarena e la ciliegia, misti a note speziate. In bocca è elegante, equilibrato, con tannini vellutati e una buona persistenza finale.

Grado alcolico: 13,00/13,50% Vol
Acidità totale: 5,00/6,50 g/l
Zuccheri residui: 3,8 g/l
Estratto secco netto: 28,9 g/l
pH: 3,74

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

(Rispettiamo la tua privacy, e non facciamo spam)

REGISTRAZIONE
Aforismi sul vino

Non c’è nessuno che conosca il segreto del futuro.
Quello che vi serve è del vino, dell’amore e del riposo a piacere.

Omar Ḫayyām (1048 – 1131)Matematico, astronomo, poeta e filosofo

Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo. Da quando Bacco ha arruolato poeti tra i suoi Satiri e Fauni, le dolci Muse san sempre di vino al mattino.

Quinto Orazio Flacco (65 a.C. – 8 a.C.)Poeta

Vino pazzo che suole spingere anche l’uomo molto saggio a intonare una canzone, e a ridere di gusto, e lo manda su a danzare, e lascia sfuggire qualche parola che era meglio tacere.

OmeroPoeta