IGT Sparking Wine

Le Lune

Piacevolezza e bevibilità siciliana

Le Lune I.G.T. Terre Siciliane nasce da un progetto di voler creare un bianco spumantizzato che regalasse
forti emozioni. E così, dalle nostre uve Insolia e Grillo rigorosamente raccolte in notturna per garantire l’optimum della materia prima, è nato. Il metodo Charmat consente di degustare appieno le note frizzanti senza tralasciare le note di frutta a polpa bianca e quelle sapide. Stupisce al palato per il finale netto e armonico.

Denominazione: IGT Terre Siciliane

Vitigni: Uve autoctone siciliane a bacca bianca
Altitudine: 200 m s.l.m.
Esposizione: Ovest – Sud/Ovest
Tipologia di terreno: Profondo, calcareo di colore chiaro, sciolto, ben drenato, e leggermente sub-alcalino
Sistema di allevamento: Controspalliera con potatura a Guyot
Età media delle viti: 4 anni;
Densità di impianto: 4000 viti/Ha

Vinificazione: In bianco
Fermentazione: In acciaio inox a temperatura controllata
Temperatura di fermentazione: 12/15°C
Durata della fermentazione: 20 giorni
Affinamento: 4 mesi in tini di acciaio. Seconda fermentazione in autoclave (Metodo Martinotti)

Note degustative: Colore giallo paglierino con riflessi verdognoli. Al naso sentori di frutta esotica e pera bianca. Al palato è sapido, giustamente acido sapido.

Grado alcolico: 12,00/12,50% Vol
Acidità totale: 6,00/6,50 g/l
Zuccheri residui: 3,00 – 4,00 g/l
pH: 2,60 – 2,80

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

(Rispettiamo la tua privacy, e non facciamo spam)

REGISTRAZIONE
Aforismi sul vino

Non c’è nessuno che conosca il segreto del futuro.
Quello che vi serve è del vino, dell’amore e del riposo a piacere.

Omar Ḫayyām (1048 – 1131)Matematico, astronomo, poeta e filosofo

Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo. Da quando Bacco ha arruolato poeti tra i suoi Satiri e Fauni, le dolci Muse san sempre di vino al mattino.

Quinto Orazio Flacco (65 a.C. – 8 a.C.)Poeta

Vino pazzo che suole spingere anche l’uomo molto saggio a intonare una canzone, e a ridere di gusto, e lo manda su a danzare, e lascia sfuggire qualche parola che era meglio tacere.

OmeroPoeta